12 Apr 2017

NEWSLETTER N.2 SYRIO

n-2-marzo-2017newsletter-syrio

SYRIO  NEWS  N.2/marzo 2017                                            

News dalla ricerca

Pubblicato il rapporto sul Certificato di assistenza al parto (Cedap),  2017. Alcuni dati significativi relativi all’anno 2014-

Il presente Rapporto annuale sull’evento nascita in Italia, a cura dell’Ufficio di Statistica, illustra le analisi dei dati rilevati per l’anno 2014 dal flusso informativo del Certificato di Assistenza al Parto (CeDAP).

In sintesi alcuni dati significativi: l’ 88,8% dei parti è avvenuto negli Istituti di cura pubblici ed equiparati, l’11,2% nelle case di cura private (accreditate o non accreditate).   Nel 2014, il 20% dei parti è relativo a madri di cittadinanza non italiana.  L’età media della madre è di 32,7 anni per le italiane mentre scende a 29,9 anni per le cittadine straniere.  L’analisi della condizione professionale evidenzia che il 56,2% delle madri ha un’occupazione lavorativa.

Nell’87% delle gravidanze il numero di visite ostetriche effettuate è superiore a 4 mentre nel 73,3% delle gravidanze si effettuano più di 3 ecografie.

La donna ha accanto a sé al momento del parto (esclusi i cesarei) nel 91,83% dei casi il padre del bambino.  In media, nel 2014 il 35% dei parti è avvenuto con taglio cesareo, con notevoli differenze regionali;  si ricorre al taglio cesareo nel 28% dei parti di madri straniere e nel 36,8% nei parti di madri italiane.  Sono stati rilevati 1.377 nati morti corrispondenti ad un tasso di natimortalità, pari a 2,74 nati morti ogni 1.000 nati.

Il ricorso ad una tecnica di procreazione medicalmente assistita (PMA) risulta effettuato in media 1,71 gravidanze ogni 100   Per la consultazione del report collegarsi al lonk http://www.quotidianosanita.it/allegati/allegato527385.pdf

Fumo in gravidanza: aumenta il rischio di problemi alla vista e glaucoma nel bambino. Secondo uno studio danese condotto da Håkan Ashina, MB1,2; Xiao Qiang Li, PhD1; Else Marie Olsen, PhD2; et al.  .., pubblicato nel marzo 2017 su  JAMA Ophthalmol. Pubblicato online 2 marzo 2017. doi:10.1001/jamaophthalmol.2017.0043, fumare in gravidanza – oltre a rappresentare un fattore di rischio per parti di bambini sottopeso – può anche provocare un assottigliamento dello strato delle fibre nervose della retina. Assottigliamento che, successivamente, potrebbe aumentare il rischio di problemi alla vista e glaucoma.  Le conclusioni dello studio sono le seguenti: L’esposizione al fumo materno durante la vita  intrauterina oltre al basso peso alla nascita è  stato associato  un più sottile RNFL all’età 11 o 12 anni. Queste osservazioni sostengono i risultati precedenti che fattori intrauterini e perinatali possono avere effetti duraturi sulla retina ed il  nervo ottico. I risultati di questo studio aggiungono prova a raccomandazioni esistenti per evitare di fumare durante la gravidanza ed incentivare le misure di sostegno atte a promuovere la salute materna e fetale. http://jamanetwork.com/journals/jamaophthalmology/fullarticle/2606528

 

 

News di politica socio-sanitaria nazionale

 

Responsabilità professionale.  La legge 24/2017 “Disposizioni in materia di  sicurezza  delle  cure  e  della  persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale  degli esercenti le professioni sanitarie”

Il provvedimento di legge sulla responsabilità professionale del personale sanitario, atteso da 15 anni è una realtà. Secondo il Prof. Pietro Sirena .. su QS  “interviene in una situazione di carenza normativa ma con intensa giurisprudenza, che ha generato il fenomeno della medicina difensiva. Lo scenario attuale potrebbe essere sintetizzato in quattro ‘parole chiave’: troppa responsabilità civile, troppi risarcimenti, poca assicurazione, poco risk management.”

La legge in sintesi prevede una maggiore prevenzione degli eventi avversi, una maggiore aderenza a linee guida e buone pratiche da parte dei professionisti sanitari, , diverso riparto della responsabilità tra strutture e professionisti e assicurazione obbligatoria. Per approfondimenti  sull’interpretazione della legge QS ha messo a disposizione “un commentario” al quale potrete collegarVi al seguente link http://www.quotidianosanita.it/allegati/allegato4321806.pdf

I nuovi Lea in Gazzetta.   Quali novità in materia assistenza gratuita alla donna al bambino e nel percorso nascita.  I medici i soli prescrittori

Pubblicati finalmente in Gazzetta i nuovi Lea http://www.quotidianosanita.it/allegati/allegato9944866.pdf

Moltissime le novità per una spesa aggiuntiva del Ssn finanziata con 800 milioni di euro vincolati. Il provvedimento interviene su quattro fronti: 1. definisce attività, servizi e prestazioni garantite ai cittadini dal Ssn; 2. descrive con maggiore dettaglio e precisione prestazioni e attività oggi già incluse nei Lea; 3. ridefinisce e aggiorna gli elenchi delle malattie rare e delle malattie croniche e invalidanti che danno diritto all’esenzione; 4. innova i nomenclatori della specialistica ambulatoriale e dell’assistenza protesica. Tra le novità in materia assistenza gratuita alla donna e/o al bambino e/o  nel percorso nascita da citare: nuovi destinatari vaccinazione HPV, endometriosi, screening neonatali, procreazione medicalmente assistita,  incentivare il parto fisiologico (art. 38), pratiche antalgiche inclusa analgesia farmacologica nel parto (art. 38), assistenza sociosanitaria ai minori, alle donne, alle coppie, alle famiglie distrettuale, domiciliare e territoriale; inclusa anche assistenza ostetrica nell’art. 24.

 

News dalla professione

Competenze professionali. Il ministro Lorenzin modifica lo schema di accordo Stato-Regioni .  Una novità anche per le ostetriche .

Rimosso  dal precedente testo del Ministro Lorenzin  il concetto  “criteri limite” per le attività delle professioni, ma,  inserito in modo fedele alla legge 42/1999,   il termine “fatte salve” le competenze delle altre professioni, medica compresa, e il lavoro in equipe Il nuovo Accordo in sostanza prevede la definizione delle attività riservate alle professioni sanitarie e per farlo richiama la legge 43/2006 ribadendo i requisiti che questa prevede: titolo universitario con valore abilitante all’esercizio della professione, ordinamenti didattici dei corsi di laurea definiti da decreti dei ministeri dell’Università e della Salute, iscrizione obbligatoria all’albo  professionale subordinata al conseguimento del titolo universitario abilitante, aggiornamento professionale secondo le stesse regole di quello della professione medica.

Per la consultazione della nuova bozza di accordo consultare   il link  http://www.quotidianosanita.it/allegati/allegato9407079.pdf

 

 

 

News di politica socio-sanitaria internazionale

 

Bloomberg Global Health Index: è l’Italia il Paese più sano al mondo

L’Italia è il Paese con la popolazione maggiormente in salute e sana a livello mondiale, è quanto emerge dalla classifica Bloomberg Global Health Index condotta dall’agenzia di stampa internazionale su 163 Paesi.

Il bel Paese al primo posto della classifica mondiale, seguono Islanda, Svizzera, Singapore ed Australia

La classifica dell’agenzia di stampa posiziona la Penisola davanti a 162 altri Stati per la salute della popolazione, «nonostante le difficili condizioni dell’economia nazionale». Secondo Bloomberg il merito va dieta, ricca di verdure e di olio extravergine di oliva.. All’Italia sono stati assegnati 93,11 punti su una scala di 100 – secondo un indicatore che tiene conto di una serie di fattori come durata media della vita, nutrizione, salute mentale e fattori di rischio come tabagismo o pressione sanguigna. 

E’ possibile la consultazionehttp://www.ausl.fe.it/home-page/news/bloomberg-global-health-index-e-litalia-il-paese-piu-sano-al-mondo/image/image_view_fullscreen

 

 

L’Italia è il fanalino di coda per natalità.  Confermato dai dati EUROSTA 2017.

I dati Eurosta a marzo 2017 indicano  la  tendenza europea verso un calo dei tassi di natalità e fertilità, cui fa riscontro l’aumento dell’età media delle mamme al primo parto e l’aumento dell’aspettativa di vita.

Dai quasi 8 milioni di neonati nel 1964 ai 5 milioni del 2015. E l’Italia è il Paese dove si nasce di meno L’Italia è ultima per tasso di natalità con 8 nati vivi su mille abitanti, contro una media europea di 10 nati per mille.  non sembra un’attività nazionale. Anche rispetto all’età media delle donne alla prima nascita il nostro Paese è in fondo alla classifica con 31,7 anni, superato solo dalla Svizzera con 31,8 e dalla Spagna con 31,9. In questi due Paesi però il tasso di natalità è rispettivamente di 10,5 e di 9. Anche il tasso di fertilità (il numero medio di figli per donna in età fertile) l’Italia è in basso alla classifica. Raggiunge infatti appena 1,35 e fanno peggio solo la Spagna con 1,33 e il Portogallo con 1,31. .

Per approfondimento consultare la tabella collegandosi al link http://www.quotidianosanita.it/allegati/allegato3926630.jpg

 

 

Giornata internazionale dell’ostetrica anno 2017

 

Il tema per il 2017  proposto a IDM è Ostetriche, madri e famiglie: partner per la vita!”. Le Ostetriche che lavorano  in partnership con le donne e le loro famiglie possono sostenerle nella presa di  decisioni migliori su ciò di cui  hanno bisogno di avere un parto sicuro e gratificante .

Celebrare la giornata internazionale dell’ostetrica attraverso iniziative dedicate  nelle proprie sedi locali è da intendersi un’opportunità per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della partnership tra ostetriche, madri e famiglie, per effetti – Ostetriche, madri e famiglie sono partner per la vita!.

L’ICM incoraggia tutte le ostetriche del mondo a condividere opinioni, foto, storie utilizzando la frase “Io credo nella partnership ostetrica  e madri e famiglie per la vita!.

su tutte le piattaforme di informazione ICM per celebrare il meraviglioso lavoro che ostetriche fanno intorno al globo. Quando si condividono le storie e le foto, assicurati di che includere #IDM2017. Clicca qui per guardare un video esempio di Nester T. Moyo, ICM Senior Advisor di ostetricia, come lei condivide le sue visioni sulla partnership tra ostetriche, madri e famiglie.

 

 

SYRIO –  PROSSIMI CORSI DI FORMAZIONE –   –

MESI  MAGGIO- GIUGNO in calendario  2017

18 – 19 maggio 2017   –  ALIMENTAZIONE COMPLEMENTARE docente MARINA LISA  –      PROGRAMMA  http://www.syrio.org/alimentazione-complementare/  richiesti crediti ECM – AGENAS

15-16 GIUGNO 2017  –-   L’ASSISTENZA ALLA GRAVIDANZA FISIOLOGICA – corso avanzato  docente MARINA LISA  –    PROGRAMMA  http://www.syrio.org/assistenza-alla-gravidanza-corso-avanzato/  richiesti crediti ECM – AGENAS

 

28-30 GIUGNO 2017   CORSI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA NASCITA (CAN) – CORSO PRATICO – GIUGNO 2017  –-  PROGRAMMA   http://www.syrio.org/i-corso-di-accompagnamento-alla-nascita-can-corso-pratico/   richiesti crediti ECM – AGENAS

 

 

Syrio   –     offerta formativa   per ostetriche interessate ad intraprendere la libera professione  ANNO 2017

STAGE SETTIMANALE  PRESSO STUDIO OSTETRICO GESTITO DA LIBERA PROFESSIONISTA  OSTETRICA, con consolidata esperienza Via Gioberti 24 – 10128 Torino

Formatore – MARINA LISA curriculum  http://www.syrio.org/chi-siamo/marina-lisa/

Per informazioni scrivere al seguente indirizzo email –  syriosegreteria@gmail.com